facebook instagram feed
Interpretariati

Interpretariato in consecutiva, come prendere appunti

Tra le diverse tipologie di interpretariato vi è quello in consecutiva. Con questo termine si intende che chiunque faccia questo mestiere debba ascoltare un discorso e prendere appunti e, solamente dopo un periodo accordato in precedenza, trasmette in un’altra lingua quanto detto dall’oratore.

Quando viene richiesto

Sebbene l’interpretariato in consecutiva sia stato sempre più sostituito da quello in simultanea, viene ancora molto richiesto in tutte le riunioni importanti alla quale partecipano un numero piuttosto vasto di partecipanti. Questo è fatto specialmente quando il concetto non può essere interrotto da un momento all’altro, pena la perdita del filo del discorso.

Qualità necessarie per questo lavoro

Memoria

Per questo interpretariato è molto importante avere una buona memoria: anche se l’interprete prende sempre appunti, non sembra ha la possibilità di annotarsi il tutto: è proprio in questo caso che subentra la memoria, che dovrà essere in grado di ricordarsi quanto detto anche 20 minuti prima.

Giuste parole chiave

Ad essere appuntate, inoltre, devono essere le parole chiave: queste permettono di ricordare quanto detto. Appuntarsi alcuni particolari concetti, infatti, dovrebbe consentire, una volta esposto il discorso in un’altra lingua, di ricordarsi tutto la frase precedentemente annunciata.

Cosa appuntarsi

In soccorso della mente, come noto, nell’interpretariato in consecutiva ci sono numerosi suggerimenti su cosa realmente sia utile appuntarsi e cosa meno. Se il concetto è facilmente ricordabile, lo sono molto meno altre componenti del discorso.

Per ovviare a questo problema bisognerà quindi segnarsi:

  • Date e cifre
  • Nomi propri
  • Eventuali citazioni
  • Titoli di progetti o di film

Simboli dell’interpretariato in consecutiva

Ogni interprete in consecutiva, tra l’altro, sviluppa diversi simboli che riconosce solamente con se stesso: questi non sono universali ma cambiano di persona in persona. Generalmente, grazie alla loro semplice grafia, vengono particolarmente utilizzate delle frecce, delle linee o dei tondi.

Qualsiasi sia il simbolo utilizzato, è importante che l’interprete sia in grado di ricordarsi quale sia il simbolo che corrisponde.



Potrebbe anche interessarti

Interpretariati

Interpretariato, qualità necessarie per questo lavoro

Il lavoro dell’interprete tende spesso a variare di giorno in giorno: questo è dovuto al…

come diventare interprete in ospedale

Interpretariati

Interpreti negli ospedali, perché sono importanti

La fase della diagnosi di una malattia non è sempre immediata come si potrebbe pensare….

come studiare l'inglese

Interpretariati

In quanto tempo si impara a parlare in inglese?

La lingua che, ad oggi, consente di capire e di essere compresi in gran parte…