facebook instagram feed
Interpretariati

Interprete, cosa bisogna sapere su questo lavoro

Il termine ‘interprete viene spesso confuso con quello di ‘traduttore‘: questi due lavori, per quanto possano essere simili, presentano alcune diverse sfaccettature delle quali abbiamo già parlato.

Tra le numerose tecniche su cui si basa questa professione, una delle più utilizzare resta sicuramente quella dell’interpretariato in simultanea, che consiste nel trasferire un concetto da una lingua di partenza, chiamata A, ad una di arrivo, B. Generalmente (ed è per questo che vi è una differenza con i traduttori), un professionista del settore viene richiesto per presenziare a conferenze, convegni o eventi importanti.

Che si tratti di una circostanza o di un’altra poco importa: la tecnica utilizzata resta sempre la stessa. Il relatore interpellato, infatti, si esprime nella propria lingua mentre l’interprete traduce quasi in contemporanea alla platea quanto appena pronunciato. Onde evitare una sovrapposizione di voci, il pubblico viene generalmente fornito di appositi dispositivi. L’interprete, invece, per acquisire una maggiore concentrazione viene solitamente fatto sedere all’interno di una cabina insonorizzata e ha a sua disposizione delle cuffie specifiche e il microfono al quale dovrà rivolgersi per permettere che il pubblico circostante lo ascolti.

Un evento, diversi interpreti

Affinché l’evento si svolga in maniera ottimale, soprattutto se grande, viene generalmente richiesto l’intervento di più interpreti. In questi casi, specialmente dopo gli interventi tropo lunghi, si alternano tra di loro, in base a degli intervalli di tempo stabiliti prima che tutto abbia inizio. In queste situazioni ogni interprete, così come accade di solito, ha la propria cabina e i propri strumenti di lavoro.

Qualora tra il pubblico o nella conferenza stessa si dovessero parlare più di due idiomi, oltre a servire naturalmente diversi interpreti in grado di tradurli, al partecipante basterà selezionare sull’apposito dispositivo la propria lingua.

Traduzione simultanea, una tecnica complessa

Come facilmente intuibile, la traduzione simultanea è una tecnica molto complessa in quanto il traduttore deve tradurre nello stesso momento, con qualche secondo di scarto. Onde evitare di dimenticarsi qualcosa del discorso pronunciato, è possibile annotarsi nome o numeri che sarà poi importante tradurre e riferire. Oltre ad avere un’ottima conoscenza di entrambe le lingue, l’interprete deve possedere anche una grande memoria che gli permetta di memorizzare e tradurre, il tutto mentre l’oratore continua a parlare.



Potrebbe anche interessarti

Interpretariati

Interpretazione simultanea in cabina, la traduzione dei grandi eventi

Tra le diverse tecniche di traduzione spicca quella dell’interpretazione simultanea in cabina, che viene erroneamente…

Interpretariati

Bambini multilingue, tutto quello che c’è da sapere

Parlare diversi idiomi è sicuramente un vantaggio per chiunque sia in grado di spaziare dall’italiano…

Interpretariati

Interpreti madrelingua, perché sono i migliori

Spesso quando si tratta di assumere qualcuno in grado di tradurre un testo, si è…