facebook instagram feed
tradurre pagine web
Traduzioni

In quali lingue dovrebbe essere tradotto un sito web?

Le lingue parlate al mondo si aggirano tra le 6000 e 7000 e sono (quasi) tutte presenti nella ‘ragnatela’ del world wide web.

Naturalmente tra questi (quasi) infiniti idiomi ce ne sono alcuni che permettono, se utilizzati, di raggiungere un pubblico quanto più vasto possibile. Quali sono, dunque, le lingue nelle quali sarebbe consigliabile tradurre il proprio sito web e quali sono le più ricercate?

Non solo inglese

Internet non è utilizzato, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, esclusivamente in inglese. Ci sono tantissimi altri idiomi e lingue che permettono di raggiungere il pubblico che si intende conquistare attraverso i propri contenuti.

Se dell’utilità di tradurre la propria pagina online abbiamo già parlato, oggi tratteremo un discorso affine che riguarda le lingue, inglese a parte, nelle quali dovrebbe il sito web dovrebbe essere tradotto.

Come capire in quali lingue tradurre il proprio sito

In realtà la risposta a questa domanda non può essere universale bensì frutto di alcune specifiche strategie che si vogliono mettere in atto per l’internazionalizzazione della propria impresa e pagina web.

In base alle aree di riferimento e al target degli utenti che si intendono raggiungere possono essere valutate le traduzioni dei contenuti online in alcune lingue piuttosto che in altre.

Cinese e spagnolo

Proprio come avviene per gli idiomi più parlati, anche nell’online vincono il cinese e lo spagnolo. Una società che intende espandersi verso l’estero non potrà fare a meno di avere presso la sua sede un interprete e/o traduttore di cinese: il mercato asiatico continua ad essere sempre più in ascesa e i rapporti tra Asia ed Europa sono più uniti che mai. Riuscire a leggere i propri contenuti online, quindi, non può che essere considerato un vantaggio.

Arabo e russo

Lo stesso discorso lo meritano anche altre due lingue che rispecchiano delle società in continua espansione: l’arabo e il russo. Chi intende tradurre il proprio sito in questi due idiomi dovrà tuttavia considerare il panorama culturale delicato nel quale intende agire, prestando quindi attenzione alle modalità con le quali i contenuti vengono presentati onde evitare di non rispettare la tradizione dei due popoli.

Per ovviare ad eventuali problemi, derivati da una scarsa professionalità del sito web, la soluzione ideale continua ad essere quella di affidarsi a dei professionisti della traduzione e dell’interpretariato.



Potrebbe anche interessarti

Traduzioni

Il dizionario gastronomico delle traduzioni dei menu

Se anche a te è capitato di andare in un ristorante all’estero e di trovare…

Traduzioni

Traduzioni farmaceutiche, cosa sapere su questo settore

Le traduzioni in ambito medico, come tutti i settori d’altronde, sono particolarmente delicate e necessitano…

Traduzioni

Documenti commerciali, come tradurli

Il processo sempre più esteso della globalizzazione ha permesso negli ultimi anni di avvicinare, oltre…