facebook instagram feed
Speakeraggi

Speaker, come si diventa un esperto della voce

Sei interessato a diventare uno speaker ma non sai come affacciarti in questo affascinante ma al tempo stesso difficile lavoro?

Prima di conoscere alcune dritte che ti aiuteranno a diventare speaker, devi sapere che questo mestiere si differenzia parecchio da quello di doppiatore. Sebbene questi due lavori abbiano dei tratti in comune, ve ne sono altri che differenziano l’uno e l’altro. Il doppiatore, infatti, presta la propria voce solamente nel mondo del cinema, mentre lo speaker può essere utilizzato in numerosi e diversi ambiti: presentazioni aziendali, spot pubblicitari, programmi radiofonici, cartoni animati e così via.

Una volta appurata la differenza tra i due diversi ruoli, che non escludono che un vero professionista possa svolgere entrambi i mestieri. Ma cosa fa concretamente uno speaker?

Di cosa si occupa uno speaker

Chiunque ci cimenti in questo mestiere deve essere in grado di dare voce a contenuti non propri, mantenendo comunque una forte carica emotiva, che deve essere in grado di catturare l’attenzione dell’ascoltatore.

Per diventare uno speaker professionale, in realtà, non c’è una regola ben precisa. Molte sono le scuole o i corsi che potrebbero fare al caso tuo: durante le ore di lezioni di verrà insegnato come controllare la tua voce, tutti gli esercizi necessari per ottenere questo risultato e come riuscire a risultare accattivante ma al tempo stesso preciso.

Punti importanti da rispettare

Tra le varie tecniche insegnate durante questi corsi, verrà posta l’attenzione su due in particolare:

  • Emissione della voce: è importante conoscere delle tecniche in grado di consentire alla stessa di non risultare nasale o poco piacevole
  • Dizione: la voce dello speaker deve essere priva di influenze dialettali

Oltre ad apprendere l’utilizzo corretto della voce, è importante anche praticare questo mestiere, per consentire, oltre di mettere in pratica quanto imparato, di allenarsi a leggere dei testi di media lunghezza per riuscire ad acquisire una diversa tonalità di voce, il corretto timbro e la giusta intonazione. Fondamentale, infatti, è riuscire a sembrare quanto meno impacciati possibile, oltre che totalmente sinceri. E per questo, non ci sono corsi o regole che tengano.



Potrebbe anche interessarti

Speakeraggi

Presentazioni aziendali, l’importanza dello speakeraggio

Le presentazioni aziendali, al giorno d’oggi sempre più utilizzare hanno un unico obiettivo: rendere la…

quando è nato il doppiaggio

Speakeraggi

Doppiaggio, quando è nato e qual è la sua storia

Con il termine doppiaggio si intende, come da definizione della Treccani, “quell’operazione con cui un…

Speakeraggi

Canto nel doppiaggio dei film: che fare?

Se in precedenza abbiamo parlato della differenza tra uno speaker e un doppiatore, oggi ci…